Elfriede Jelinek. Le amanti. Il destino è una variabile dipendente.

Si può sfuggire al proprio destino? Non sempre. Forse mai. A volte comunque devi subirlo, specialmente se nasci in un certo sistema che, come una catena di montaggio, ti spinge in un’unica direzione. Tuttavia, apportando le dovute correzioni si può perfino credere di manovrarli noi quei fili invisibili, ma non è mai del tutto vero, non è mai esattamente così, anche in quei casi si tratta infatti solo di un leggero miglioramento della qualità della vita, e per di più in gran parte illusorio, ma non di uno stravolgimento degli eventi, di un vero deragliamento, perché avvenga tutto questo la nostra volontà non conta.

se qualcuno vive un destino, allora non qui.
se qualcuno ha un destino, è un uomo, se qualcuno riceve un destino, è una donna.
disgraziatamente qui la vita passa, solo il lavoro resta.
qualche volta una delle donne cerca di unirsi alla vita che passa e di chiacchierare un po’ con lei.
ma spesso la vita se ne va via in macchina, troppo veloce per la bicicletta.

Elfriede Jelinek (1946), vincitrice del premio nobel per la letteratura nel 2004, nel suo libro Le amanti (1975), racconta la storia di due donne operaie che tentano di sfuggire alla sorte segnata. E lo fa in un modo davvero originale, quasi volesse aiutarle in quest’impresa scardinando lei stessa le regole della lingua scritta, ignorando la punteggiatura e le regole dell’ortografia. Non esistono le maiuscole, lo stile attinge a piene mani dalla lingua parlata, le immagini sono crude, e i sentimenti sono un lusso che non ci si può permettere in questa descrizione cinica e violenta di un’umanità nuda, quella che corre senza speranza incontro alla fine dopo una vita inutile.

paula sta seduta col suo vestito della domenica. la sua testa schiaffeggiata sta nascosta nel suo ventre preso a calci. si è arrotolata a palla come un riccio. ma senza aculei. le sue mani che non hanno ancora superato l’esame di sarta, tengono insieme tutto il debole intreccio. la sartoria non offrirà la corona di fiori. si conoscono ancora troppo poco, paula e la sartoria. nella testa di paula compare un piccolo bocciolo: forse la sartoria sarebbe stata meglio di erich. il bocciolo viene subito strappato e calpestato. nel cuore di paula appassisce silenziosamente l’ultimo stelo d’amore. nel lavello si assopiscono le stoviglie stanche nel loro ambiente abituale. nello strato di grasso rancido della grande padella della famiglia si formerà una nuova scarica di schiaffi, se paula non si dà subito da fare con i piatti. erich si è subito dato da fare con paula, non è servito a nessuno dei due, se non a portare all’infelicità paula, che già ci stava dentro.

Attraverso la descrizione parallela dell’organizzazione della propria vita da parte delle due operaie Brigitte e Paula, Jelinek, come sempre avviene nei suoi libri, lancia un attacco efferato contro le ipocrisie del suo paese, l’Austria, contro il consumismo, le convenzioni sociali e in generale contro tutti i miti dell’occidente e della modernità.
Qual è il miraggio che le due donne vedono per poter cambiare la situazione? Il solito, ovvero cercare di accalappiare un uomo, il miglior partito possibile, che riesca a sollevarle almeno di qualche centimetro rispetto alla situazione di partenza. La scelta che compiono sarà determinante per il loro futuro, Brigitte vuole incarnare il mito della donna di casa, madre e moglie e sceglie Heinz, un giovane prestante, che non disdegna le altre donne, ma dal futuro economicamente certo. Paula invece crede ancora nell’amore e si invaghisce del taglialegna Erich, un giovane tanto bello e muscoloso quanto stupido, brutale e con la passione per l’alcool.

finita la gioventù, i giovanotti si portano in casa una donna attiva e parsimoniosa. Fine della gioventù, inizio della vecchiaia.
per la donna fine della vita e inizio dell’aver-bambini. mentre gli uomini maturano ben bene, iniziano a invecchiare e divengono dediti all’alcool – pare che li mantenga forti, preservandoli dal cancro – l’agonia delle donne dura anni e anni, spesso così tanto da assistere all’agonia delle figlie. le madri cominciano ad odiare le figlie e vogliono farle morire il più presto possibile, come sono morte un tempo anche loro, dunque: ci vuole un uomo.

La società consumistica, che crea continuamente dei bisogni fittizi in chi ci vive, spinge in una spirale che travolge tutto al suo passaggio e, laddove si vive guidati da norme ferree, anche la felicità e il benessere, non possono che giungere dall’esterno. Per le donne in particolare, una vita soddisfacente può arrivare solo grazie ad un uomo.

brigitte potrebbe procurarsi molti operai, ma lei vuole soltanto heinz che diverrà un uomo d’affari […] dipende solo dal caso se Brigitte vivrà, con heinz, o se sfuggirà alla vita e si distruggerà.
non c’è una regola. il destino decide sul destino di brigitte. non conta ciò che lei fa o è, ma conta heinz e ciò che lui fa o è.

È davvero desolante ricordarsi e riconoscere che una fetta enorme di umanità vive sotto leggi innaturali dettate dalla forza dell’ignoranza, dalla paura della fame, dalla convinzione che solo il corpo comanda e sotto la feroce spada della divisione dei ruoli e di condizionamenti inammissibili che però tutti, vittime e carnefici, accettano. E questa condizione di disumanità divenuta normalità è ormai pane quotidiano per donne, che a loro volta si incastrano perfettamente nell’ingranaggio divenendone addirittura una parte fondamentale affinché si perpetui il sistema, educando i figli maschi lasciandogli credere di essere superiori alle donne e con il gravoso compito di guidare il cammino dell’umanità.
Lo stesso accade nelle famiglie di Erich e di Heinz, le madri vogliono il meglio per i propri figli e per meglio non s’intende, cultura, intelligenza, rispetto, bensì una donna docile e magari con una buona dote, che lavori, lavi, cucini e pulisca in silenzio, addirittura felice di farlo, per il re della casa. Poco importa se i figli sono brutali, forti bevitori, donnaioli, la moglie deve essere la vittima perfetta, come lo sono state loro del resto.

finché ha vissuto mio padre, ho sfacchinato per lui, poi ho continuato a sfacchinare per tuo padre e per gerald, e ora che sei grande abbastanza per dividere con me la fatica, ora all’improvviso non ti va più e vuoi imparare il mestiere pulito di sarta. perché e per che cosa ho sfacchinato tutta la vita, se non per papà e per gerald, e adesso che finalmente potresti sfacchinare anche tu, adesso non ti va. toglitelo dalla testa! prima che tuo padre e gerald te lo tolgano dalla testa con la forza. adesso glielo dico io a tuo padre e a gerald. adesso!

Questo attacco feroce, senza filtri né mediazione alcuna, colpisce il lettore come uno schiaffo ben assestato. Non si esce indenni dalla lettura della Jelinek, perché si è costretti ad interrogarsi, a vedere anche quello che non ci piace e ad ammettere che spesso l’organizzazione sociale è fallimentare, che molte cose dovrebbero cambiare, ma anche che nessuno è disposto a fare il primo passo. Sembra quasi che, avviarsi in fila indiana come agnelli sacrificali sull’altare delle convenzioni, sia più facile di ribellarsi, sacrificandosi ugualmente, ma per il bene comune, per un miglioramento della qualità della vita che potrebbe interessare le generazioni future.

conoscete questo BEL paese, con le sue valli e le sue colline?
è circondato in lontananza da belle montagne. ha un orizzonte, cosa che non molti paesi hanno.
conoscete i prati, i campi, i pascoli di questo paese? conoscete le sue case tranquille e la tranquilla gente che ci sta dentro?

Esseri umani inscatolati, il cui Io è ridotto anche dalla minuscola che designa il nome proprio, inseriti in un piccolo riquadro verde dove si dipinge una bella vallata al centro della quale sorge una fabbrica. Ogni cosa si svolge all’interno di confini prestabiliti dove tutti hanno un padrone in una gerarchia ordinata che fa funzionare le cose. Nessuno pensa di sottrarsi al bel quadretto, perché è così che la gente perbene vive, perché è così che deve andare.

Ulteriori informazioni qui: http://librididonne.wordpress.com/

Annunci

14 commenti

Archiviato in donne e scrittura

14 risposte a “Elfriede Jelinek. Le amanti. Il destino è una variabile dipendente.

  1. ricordo il tempo del Nobel, questa quasi sconosciuta autrice sconvolse con La Pianista, anche il mio modo di apporcciare i libri

    splendida recensione

  2. Ben vengano proposte come questa, di donne che scrivono di realtà senza scampo e di altre che ne annotano con crudezza la spietata verità.
    Hai presentato un evento, più che una scrittura, del resto credo che la Jelinek non a caso abbia dato alla sua prosa la forma del linguaggio pensato-vissuto, proprio per significare l’inutilità di un’estetica quando l’etica è così spudoratamente tradita.
    Non posso fare a meno di considerare le radici da cui è scaturito tutto lo squilibrio tra generi, e sono sempre radici di corruzione della naturalezza a favore di un’artificiosità che privilegia sempre i maschi e il loro potere politico e religioso, a tutte le latitudini e in tutte le civiltà.
    Qui si assiste in maniera diretta, pugno nello stomaco, al risultato ormai invalso, ancora tribale, malgrado sia travestito da “cultura”.
    Tu sai quanto me ne distacco, da certa cultura quasi tutta al maschile, volta al soggiogamento delle donne, non solo fisico, ma anche e soprattutto psicologico.
    Quale modo hanno mai avuto le donne quando la loro intelligenza ha scandagliato la verità, quando per qualche motivo che non sappiamo definire, si sono rese conto dell’iniquità dei sistemi sociali in cui sono sempre perdenti?
    Dici bene, è l’oscurantismo che vanifica i tentativi del riordino del Sé in una complessità di connessioni e piani di conoscenza, ed è sempre l’ignoranza che fa ritenere agli esseri umani di essere strutture dualistiche, e nient’altro.
    Donne però come questa Autrice, e come tante altre nella storia, stanno comunque lasciando un segno, stabilendo un dato: conoscere è l’inizio del cambiamento.
    Grazie dunque, Maria, che ci porti a condividere la speranza di una più vasta coscienza, delle donne principalmente: che comincino ad allevare i figli, maschi e femmine, alla pari e, loro stesse, si rifiutino di essere conniventi del sistema aberrante che le umilia e le uccide.
    Ciao
    Un abbraccio
    cri

    • Cara Cri, all’inizio leggere Jelinek ti provoca una sorta di fastidio, addirittura fisico, ma poi all’improvviso ti accorgi che il suo modo di raccontare le cose, con uno stile così crudo e violento, è anche quello più efficace e soprattutto ricorda a tutti noi che quel fastidio dovremmo provarlo quotidianamente, ogni volta che una donna viene picchiata e violentata o che un bambino viene abusato, fino ad accorgerci che la società è ininterrottamente indottrinata verso una falsa morale, un’etica compiacente nei confronti di tutte le forme del potere, umano o divino che sia, ma sempre al maschile…
      un bacione

  3. E’ sorprendente come questa scrittrice, vincitrice di un premio Nobel sia sfuggita a molti, quasi sconosciuta.
    Dalle tue parole su questo romanzo scritto in maniera improbabile e improponibile, come si evince dalle scarne frasi che hai riportato, si possono trarre diverse conclusioni.
    Il destino di ognuno di noi sta nelle nostre mani ma curiosamente il copione è già scritto altrove.
    La condizione femminile non è modificata nel tempo, anzi persiste e resiste, come acciaio inossidabile alla ruggine e alle intemperie, perché la cultura che ci tramandiamo non esce dai canoni già scritti. La madre tramanda alla figlia la sua cultura e questa la recepisce adattandola al contesto apparentemente nuovo ma intimamente vecchio.
    Hai trattato questo romanzo con la solita acutezza sottolineando i fattori che muovono la storia.
    Un grande abbraccio

    • Caro Bear, purtroppo è così, le cose cambiano solo apparentemente, ma in realtà tutto rimane uguale e questo perché qualcosa di profondamente ingiusto si è radicato tanto da diventare normalità, al punto che le stesse donne l’accettano e si comportano di conseguenza. E’ questo il male incurabile, il condizionamento che fa perdere la capacità di “vedere” per potersi finalmente affrancare…
      Grazie e un abbraccio

  4. Dopo aver letto gli estratti della trama mi è sorta la considerazione che tutto il mondo è paese, anche fuori dall’Italia le donne di qualche tempo fa si comportavano come le nostre ed erano costrette a subire le vessazioni maschili, i loro tradimenti.
    Il destino sembrerebbe già scritto, ma in definitiva ognuno è artefice del proprio destino quando sta a guardare e a non far nulla per non capovolgere le situazioni o per lo meno modificarle: l’accettazione delle cose è un assenso al destino.
    La storia è davvero interessante anche per il tipo di scrittura e per la spontaneità della narrazione, la tua recensione particolareggiata e profonda ne evidenzia gli aspetti più importanti.

    Grazie, cara Maria, per questa segnalazione e per la bella pagina di qualità.
    buon fine settimana
    con affetto
    annamaria

    • Cara Annamaria, purtroppo non si tratta delle donne di qualche tempo fa, anzi direi che in tal senso le donne sono riuscite perfino a compiere dei passi indietro negli ultimi tempi, vanificando anni di lotte importantissime. Le due tipologie che emergono di questi tempi sono le eterne veline, di vent’anni o di sessanta poco importa, che saltellano provocatoriamente davanti ai loro superiori uomini, oppure le finte manager o, peggio, ministre che si atteggiano non da donne all’interno di un certo settore, ma da donne che copiano gli uomini… il risultato è tristemente squallido e addirittura dannoso per tutto il genere femminile…
      e tutto questo, come dici bene, non è solo un problema italiano, ma mondiale… anzi ci sono luoghi dove nascere donna è davvero una sventura, ma si rimane più sorpresi quando si scoprono certe similitudini in posti noti per la loro apparente civiltà. Allora che ci serva da monito, ma anche da input verso un cambiamento dovuto…
      un bacione

  5. wolfghost

    A riguardo del libro ho già commentato proprio nel post che segnali 😉 Qui dunque mi limiterò a commentare le tue considerazioni, soprattutto quelle iniziali.
    Sono totalmente d’accordo. Forse non parlerei di “destino”, non nell’accezione comune che di solito diamo a tale parola, almeno. Tuttavia se intendiamo, e questo è il caso, il condizionamento e le regole della società e della… biologia, allora è proprio così. Possiamo credere di controllare il nostro futuro, ma così è solo in parte: basta pochissimo, un capriccio del caso o del volere di qualcun altro… e tutto, inesorabilmente, salta.

    http://www.wolfghost.com

  6. “Non si esce indenni dalla lettura della Jelinek, perché si è costretti ad interrogarsi, a vedere anche quello che non ci piace”. Ti cito perchè andando avanti nella lettura della tua recensione ho avuto anch’io questa impressione. In effetti il problema è tutto nella presa di coscienza ( la dice lunga l’ultima sequenza che hai citato, con l’immagine del paese sonnacchioso. )
    Ciao, cara e grazie!

    • Cara Giacy, purtroppo, come sai bene, è una presa di coscienza piuttosto ondivaga… le donne ogni tanto si svegliano (mi riferisco ai movimenti femminili dell’800 e poi a quelli degli anni ’70) e all’improvviso si addormentano facendo enormi passi indietro e lasciando che vengano rappresentate dalle Gelmini, Carfagna, Fornero… e nel mondo vengono ancora massacrate, violentate, lapidate, infibulate, usate come bottino di guerra, messe in mostra, relegate sempre ai margini, affinché non abbiano mai la forza necessaria per raggiungere (e quindi esercitare) un potere reale…
      bacibaci

  7. Conosco il romanzo, ne ho parlato anch’io sul mio blog (http://ettorefobo.blogspot.it/search/label/Elfriede%20Jelinek) . La visione di Jelinek è esattamente cinica, come deve essere, secondo me, la
    letteratura. Il romanzo è raccontato ironicamente come fosse una favola e la favola è un narcotico per le due protagoniste: la favola dell’amore romantico nel caso di Paula, la più prosaica favola del “buon partito” nel caso di Brigitte. Ottima la tua analisi. Un caro saluto.

    • Caro Ettore, non ho letto il tuo post, ma conoscendo le tue doti lo farò senz’altro… Trovo che sia perfetto dire che il romanzo è raccontato come se fosse una favola, ti ringrazio per il contributo…
      un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...